Protagonisti terza edizione

.

.


_______________________________________

Vito-Foderà

VITO FODERA’

E’ Giornalista e autore televisivo, nato a Messina il 2 giugno 1981, “quando ancora la Repubblica era la prima e non si festeggiava”. Maturato, emigrato, laureato, impegnato nell’antimafia sociale con l’associazione daSud.

E’ entrato in tv passando dal satellite e non è più riuscito a uscirne. Cercando la porta giusta è finito tra le ombre di SkyTg24, e poi varie frequenze. Ha visto Exit ma non era un’uscita, era La7.

Il portone d’ingresso nel giornalismo televisivo, quello fatto bene. Da lì sempre in giro con Piazzapulita finché non si è trasformato in Polifemo su MTV con tanta voglia di continuare a incontrare e raccontare.

Su Rai1 (Petrolio e Buono Brutto Cattivo) e sul web, Laeffe (Fischia il vento), a TV2000 (Revolution e Beati Voi) e ora a Rai3. Da autore, inviato curatore, ovunque sia divertente sperimentare nuovi linguaggi.

Che lo hanno portato inevitabilmente dove è ora. Felice.

_______________________________________

annalisa corradoANNALISA CORRADO

Ingegnere meccanico, ha conseguito nel 2005 un Dottorato di Ricerca in Energetica al Dipartimento di Meccanica e Aeronautica all’Università “La Sapienza” di Roma.
Dopo le prime esperienze con le società Ambiente Italia ed Ecobilancio come consulente/analista LCA (Life Cycle Assessment, per la valutazione del ciclo di vita di prodotti e servizi) ha ricoperto per 2 anni ruoli di consulenza specializzata presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Attualmente è co-portavoce di Green Italia, nonché responsabile tecnico di AzzeroCO2 e del Kyoto Club.

Si occupa principalmente di impianti alimentati da fonti rinnovabili, di efficienza energetica, di gestione virtuosa di rifiuti e sotto-prodotti e di valutazione degli aspetti ambientali dei sistemi energetici.

_______________________________________

giovanni-milazzoGIOVANNI MILAZZO

Catanese, laureando in Ingegneria dei materiali, ha sviluppato una startup chiamata Kanèsis, fusione tra la parola canapa e il termine greco κίνησις (kinesis), ossia “movimento”.

“Kanèsis nasce dai principi messi in campo da Henry Ford negli anni Trenta con il recupero di scarti industriali di origine vegetale per fare nuovi prodotti green ed ecosostenibili.”La sua startup ha vinto a maggio il contest “Start Up Academy” dell’Università di Catania ed è composta da un team molto variegato, con chimici, informatici e biotecnologi, ma anche designer, business planner e tecnici alimentari. L’idea è stata quella di realizzare una plastica ecosostenibile proprio dagli scarti della lavorazione industriale di vegetali, tra cui la canapa. Il risultato è un materiale composito termoplastico, con proprietà riconducibili alle plastiche petrolchimiche convenzionali e doti migliorate di resistenza e leggerezza.

 _______________________________________

filomena-pucciFILOMENA PUCCI

E’ nata a Tivoli, ha studiato a Parigi, è domiciliata a Roma. E’ un’ex autrice televisiva momentaneamente pentita. “In TV ho fatto alcune cose belle ma pure altre brutte. Vista la confusione tra quello che facevo e quello che volevo fare, due anni fa ho optato per un sabatico gravemente non remunerato. Decisione che senza una casa di proprietà, un fidanzato ricco o un conto in banca milionario è una gran follia.” Lei però non è folle e anziché imparare a dire sì quando avrebbe voluto dire no, ha deciso di farcela da sola. “Per sbarcare il lunario mi capita di subaffittare l’appartamento in cui vivo, mettere la mia vita in un trolley e dirigermi dall’amica che a turno mi ospiterà. Posseggo ormai i mazzi delle tre case che frequento con più assiduità e pure quelle di un negozio.”

Nel frattempo ha scritto un film, cominciato a pubblicare su riviste settimanali i suoi racconti e alcune interviste su un quotidiano nazionale on line. Il 9 dicembre 2014 ha pubblicato “Appassionate”, un libro che racconta un viaggio alla scoperta delle donne che seguendo la propria passione stanno ridisegnando il modo di lavorare in Italia.

Perché, come lei ama ripetere: “quello che ti piace fare è quello che sai fare meglio”.

 _______________________________________

LocatelliGIANANTONIO LOCATELLI

Professione agricoltore, allevatore, produttore di Grana Padano e Provolone.

Negli anni ’70 ’80 partecipa a molti viaggi di studio e di lavoro negli Stati Uniti e Israele per approfondire la professione di allevatore di Holstein Frisian, razza selezionata per la produzione di latte, facendo di questo il pezzo forte dell’azienda.

Legato soprattutto ai temi del rispetto della natura e della sostenibilità economica, nei primi anni 2000, si dedica alla trasformazione della grande quantità di letame dell’allevamento, considerato erroneamente uno scarto.

Il trattamento di questo materiale, attraverso il Biogas, ha aperto un nuovo ciclo dell’agricoltura moderna. Infatti si ottiene: energia elettrica green, calore per il riscaldamento delle case, bio-combustibile (biometano), concime organico, mattoni, intonaco, suppellettili per la casa e molto altro.

La passione per l’arte contemporanea e l’idea di sublimare la Merda come grande portatrice di vita e rinascita, ha indotto Locatelli nell’aprile del 2015 alla fondazione del Museo della Merda di cui è ideatore e, insieme ad altri tre sodali Massimo Valsecchi, Luca Cipelletti e Gaspare Marcone, co-curatore.

_______________________________________

maria luisa bisogninMARIA LUISA BISOGNIN

Si è laureata all’Università di Firenze con una tesi metodologica sui Piani Paesistici con Paolo Baldeschi, con cui ha continuato a collaborare. Ha avuto grandi maestri come Carlo Doglio e Lucio Gambi, con i quali ha lavorato per alcune ricerche. Architetto eclettico, attualmente svolge la sua professione progettando con criteri etici e di sostenibilità ambientale, seguendo strade spesso fuori dagli schemi convenzionali come ad esempio la costruzione di manufatti in fibra vegetale, la permacultura e la progettazione di ecovillaggi. Svolge volontariato presso l’associazione archeologica e culturale “Trebbo sei Vie” di Budrio.

Ha pubblicato diverse ricerche di archeologia rurale e paesaggistica, saggi e articoli sulla pianificazione e sui domini collettivi. Ha organizzato mostre ed è stata invitata a numerosi convegni sulle eco-tecnologie per l’edilizia, sullo sviluppo rurale e sull’impiego della canapa da fibra. Cofondatore dell’Accademia Italiana di Permacultura, ha contribuito all’avviamento della Scuola di pratiche sostenibili del Parco Agricolo Sud a Milano.

E’ autrice di numerosi saggi ed articoli scientifici sui temi della permacultura, biomateriali, ecovillaggi

_______________________________________

CECCOCIPOCECCO E CIPO

Esclusi dallo Zecchino d’Oro, ignorati dal Festivalbar, boicottati dagli MTV Awards, Cecco e Cipo debuttano nel 2010 con l’EP “Dall’origine”, autoprodotto.

I due, di Vinci, muovono i primi passi da musicisti tra recite natalizie e circolini.
Cecco è diplomato in ragioneria, ama la storia dell’ arte e il gioco del calcio.
Cipo è diplomato in grafica pubblicitaria, balla lo swing, è un giocoliere e ama giocare a calcio. Entrambi hanno studiato teatro.

Nel Dicembre del 2011 esce il loro primo album “Roba da Maiali” prodotto da Matteo Guasti di Labella, attuale produttore, che piace a grandi e piccini e colleziona una lunga lista di recensioni positive. Siccome non riuscivano a farsi inserire nella programmazione dei locali, si fingono per un periodo un’agenzia di Booking, e grazie ad essa, cominciano a suonare oltre il confine toscano.

Il 16 Giugno del 2014 esce “Lo Gnomo e lo Gnu” prodotto da Labella, (distr. Audioglobe)

Suonano in tutto lo Stivale, condividendo il palco con Fabrizio Moro, Franco Califano, Nobraino, Zen Circus, Ivan Cattaneo, Vinicio Capossela, Bobo Rondelli, Piotta, Levante, Lo Stato Sociale, Marta sui Tubi, Brunori Sas, etc etc (e una volta Platinette gli ha aperto un concerto).

Nel Gennaio 2013 sono i Vincitori del “Premio Rivelazione Sete Sóis Sete Luas 2013” come miglior gruppo toscano, strappano cosi i biglietti per esibirsi in Portogallo.

Nel Settembre 2014 X-Factor 8 vede la band esibirsi per le audizioni sul palco di Sky di fronte ai giudici dove cantano Vacca Boia. Vengono definiti dalla stampa i protagonisti di X Factor 8 diventando trending topic su Twitter per settimane con l’ ashtagh #VACCABOIA, lo stesso si ripeterà dopo l’ eliminazione ai Bootcamp, e i loro video raggiunge in poche settimane quasi 2 milioni di visualizzazioni. Rimangono per due intere settimane in Top Ten su iTunes tra gli album più venduti in Italia, entrano in classifica F.I.M.I e sono tra gli artisti più scaricati su Spotify.

Un giorno Wender incontra Cecco e Cipo sotto Radio Dejaay senza fare niente, e trovando la cosa strana gli fissa un intervista per il suo programma su Radio Deejay (mentre nel frattempo si sbizzarrisce in un remix di Vacca Boia) e i due vengono invitati per un intervista anche ad Occupy Deejay.
Nel giro di pochi giorni si ritrovano sul palco del Mandela Forum di Firenze per Oxfam con Arisa, e le loro prime uscite live a Milano e a Firenze sono subito soldout.
Vengono resi partecipi al World Refugee Day Life di Firenze con artisti come Elisa, Pelù, Ruggeri e Bandabardò.
Nel Marzo 2015 sono ospiti a Web Notte da Assante e Castaldo con Alex Britti, e Marlene Kuntz.
Da Novembre 2014 Il loro singolo Orazio è in rotazione su RockTv.

Il loro #Vaccaboia Tour conta 100 date in un anno tra club soldout e piazze italiane.

Il 3 Ottobre 2015 vengono premiati dal M.E.I. di Faenza con un premio speciale per il loro unico tour, come la band piu attiva dell’ anno.

Nell’ Ottobre del 2015 Francesco Tricarico li chiama per fare una tournée insieme, che porterà il loro spettacolo nei migliori club italiani e nei grandi teatri.

Da Aprile 2015 la domenica pomeriggio sono ospiti a “Quelli che il calcio…” su Rai Due condotto da Nicola Savino.

Il 12 Marzo 2016 esce il videoclip ufficiale di “Non voglio dire” primo estratto dell’album in uscita a Marzo 2016

_______________________________________

lorenzo maggioniLORENZO MAGGIONI

Ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Ecologia Agraria presso la facoltà di Agraria di Milano.

Ha competenze particolarmente approfondite sull’agricoltura multifunzionale e sulla produzione di energia da fonti rinnovabili.

Dal 2011 è responsabile dell’Area Ricerca e Sviluppo del Consorzio Italiano Biogas per il quale segue numerosi progetti finanziati da programmi europei.

Membro del Gruppo di lavoro sul Biometano e coordinator del Comitato Tecnico Scientifico del Consorzio Italiano Biogas.

Relatore in numerosi convegni e workshop nazionali ed internazionali sul tema del biogas e del biometano.

_______________________________________

Rosaria_FerreriROSARIA FERRERI 

Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Napoli nel 1982.

Specialista in virologia clinica con Diploma di Perfezionamento in Nutrizione Clinica e Terapie Dietetica.

Ha diretto il laboratorio di Sierologia Virologica della Divisione di Malattie Infettive di Caserta dal 1982 al 1986.

E’ stata responsabile del laboratorio Centro 2° livello AIDS dal 1990 e Dirigente di 1° livello della divisione di Malattie Infettive di Caserta fino al 1996.

E’ Direttore Scientifico del Centro Studi Einstein a.c. – Scuola di Naturopatia Olistica ad indirizzo Bioenergetico Psicosomatico

Ha pubblicato 38 lavori scientifici sulle materie attinenti malattie di origine batterica e virale.

_______________________________________

Roberto Roasio - Ecomotive SolutionsROBERTO ROASIO

Proveniente da molteplici esperienze di sviluppo e gestione tecnica, in oltre 27 anni di carriera ha formato il suo know-how tecnico, fortemente centrato sul settore automotive.

Parte dello staff del Gruppo Holdim da oltre 18 anni, dal 2008 è incaricato di seguire lo sviluppo dell’azienda ECOMOTIVE SOLUTIONS, nata per estendere le attività del gruppo nella direzione della salvaguardia ambientale con progetti e prodotti innovativi ad elevato contenuto tecnologico ed ecologico.

Con l’incarico di “Business Development Manager”, oggi segue lo sviluppo commerciale di Ecomotive Solutions coordinandolo con le attività di R&D del gruppo Holdim.

Il campo di azione e di competenza delle sue attività è vasto, con focus in generale sui carburanti alternativi, segue progetti che spaziano dall’automotive all’industriale, passando per il marino ed il ferroviario.

Attualmente è impegnato con la nuova sfida aziendale riguardante il mondo dei motori onnivori per la produzione di energia, e delle nuove tecnologie per la gestione del Mento e Biometano in forma liquefatta.

E’ da sempre promotore dell’ormai consolidata filiera di Ecomotive Solutions in ambito nazionale ed internazionale.

Esperto delle problematiche legate all’utilizzo del Gas Naturale nel settore del trasporto professionale, ha sviluppato una profonda conoscenza legate all’utilizzo del metano liquido GNL/LNG per l’alimentazione di veicoli industriali e motori heavy duty in genere.

La missione personale è di sviluppare una completa filiera Made in Italy per il metano liquido GNL/LNG, sia esso derivato dall’estrazione che ricavato da fonti rinnovabili come nel caso del Biometano, estendendo poi questo approccio ai carburante alternativi in genere che siano oggetto degli interessi aziendali.

Relatore per Ecomotive Solutions in vari convegni nazionali ed internazionali, è sempre aperto al confronto ed alla condivisione delle esperienze maturate, per la crescita di una nuova consapevolezza energetica globale.

 _______________________________________

Luca_MercalliLUCA MERCALLI

Torinese, ha iniziato giovanissimo ad interessarsi di atmosfera: a diciott’anni conseguiva a pieni voti l’attestato di Cultura aeronautica in Meteorologia rilasciato dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare ed effettuava in seguito il servizio di leva come previsore valanghe nel Meteomont della Brigata Alpina Taurinense, operando anche nell’esercitazione NATO ArrowHead Express nella Norvegia settentrionale.Ha studiato scienze agrarie all’Università di Torino, con indirizzo “Uso e difesa dei suoli” e agrometeorologia, ma ha approfondito la preparazione in climatologia e glaciologia in Francia, tra Grenoble e Chambéry, dove si è laureato in geografia e scienze della montagna. La storia del clima delle Alpi è il suo argomento di ricerca preferito, ma si occupa anche di temi ambientali ed energetici come membro di Aspo Italia, l’associazione per lo studio del picco del petrolio.Dopo aver lavorato per l’Ufficio Agrometeorologico della Regione Piemonte e poi per l’Assessorato opere pubbliche a difesa assetto idrogeologico, ha assunto la presidenza della Società Meteorologica Italiana Onlus, la maggiore associazione nazionale del settore delle scienze dell’atmosfera. Ha fondato e dirige dal 1993 la rivista Nimbus, è autore di 5 articoli scientifici su riviste internazionali [1], 85 su altre riviste specializzate e di oltre 1000 articoli di divulgazione comparsi su La Stampa, su La Repubblica con cui collabora dal 1991, e su vari periodici (Alp, Rivista della Montagna, Donna Moderna, Gardenia).

Ha tenuto un migliaio di conferenze, in Italia e all’estero, compresi incontri su un ghiacciaio, in una stazione ferroviaria, in un carcere di massima sicurezza, in un ospedale, in una centrale elettrica, in una villa palladiana, in un mercato. I suoi primi interventi televisivi datano 1990 per Rai 3 Ambiente Italia, dal 2003 è a Che tempo che fa, dal 2005 a Rai 2 TG Montagne e dal 2008 Buongiorno Regione (TG Piemonte). Ha condotto 15 puntate di Trame su Radio Due e ha lavorato per RepubblicaTV e per la RadioTelevisione Svizzera Italiana. Dal 2007 fa parte di Climate Broadcaster Network-Europe, gruppo di presentatori meteo televisivi voluto dalla Comunità Europea per diffondere corretta informazione sul clima.Svolge incarichi di docenza per università, corsi di specializzazione e formazione professionale e scuole di ogni ordine e grado; nel 2004 ha ricevuto il premio “AICA (Associazione Internazionale Comunicazione Ambientale) – Comunicare con i cittadini fa bene all’ambiente”, Alba, e nel 2008 gli è stato conferito il “Premio Internazionale Exposcuola” (Salerno) per la divulgazione scientifica.È responsabile dell’Osservatorio Meteorologico del Collegio Carlo Alberto di Moncalieri, fondato nel 1865.
_______________________________________

Fabio-BrescacinFABIO BRESCACIN

E’ uno dei pionieri dell’agricoltura biodinamica in Italia. Dopo la laurea in agraria (1979), collabora a far nascere l’Associazione antroposofica Rudolf Steiner di Conegliano (TV). Nel 1985 apre Ariele, uno dei primi punti vendita in Italia di alimenti biologici. Due anni dopo è tra i fondatori di Gea, azienda di distribuzione, e successivamente (1998) di Ecor spa, che diventa il principale distributore di prodotti biologici e biodinamici esclusivamente dedicato al dettaglio specializzato. Nel 2002 attraverso Ecor, azienda in cui ricopre l’incarico di amministratore delegato, promuove Cuorebio, un progetto associativo tra negozi biologici. Nel 2007 l’azienda avvia la gestione diretta della Fattoria Di Vaira a Petacciato (Cb). Nel 2009 Brescacin è fra gli artefici della fusione fra NaturaSì ed Ecor: nasce il gruppo EcorNaturaSì, leader nella distribuzione di prodotti biologici, biodinamici e naturali. Dal 2012 è presidente del gruppo.

_______________________________________

ELIANA BAGLIONIELIANA BAGLIONI

E’ architetto, specializzata in Architettura Naturale, quella branca dell’architettura che utilizza materiali naturali, locali, riciclabili e non inquinanti, ovvero sostenibili, come Terra Cruda, Balle di Paglia, CalceCanapa, Cocciopesto, Tadelakt, Bambù e Tetto Verde, con un un’attenzione particolare all’efficienza energetica degli edifici ed ad un uso sostenibile delle risorse.È  docente, formatrice, ricercatrice, relatrice a conferenze internazionali; tiene workshop e ha seguito cantieri scuola in auto-costruzione.Ad Ottobre 2014 ha ricevuto il premio “Abitare Verde for Expo 2015 – Architettura e Agricoltura insieme per Nutrire il Pianeta” nella categoria “Persone per il made in Italy”, per il suo lavoro di recupero e promozione dell’utilizzo della Terra Cruda in Architettura”.Svolge le sue attività in Italia e all’estero.

_______________________________________

gattoniPIERO GATTONI

Nasce nel 1972 e si forma nell’azienda agricola di famiglia specializzata nell’allevamento di vacche da latte che da parecchi anni conduce con il padre, Carlo.

Laureato in economia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, si è appassionato all’agroindustria, cercando di coniugare tradizione e innovazione.

Nel 2006, ha fondato, con altri produttori di energia da biogas, il CIB – Consorzio Italiano Biogas e ne è diventato presidente, carica che ricopre tuttora. Presidente del caseificio Caramasche, dal 2009 è anche vice presidente del Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano. Ricopre anche molti altri incarichi: Socio fondatore European Biogas Association, Consigliere FedAgri Nazionale, Membro del Consiglio direttivo di Confagricoltura, Membro del Comitato direttivo del Coordinamento Nazionale Free, Membro di Giunta di Confcooperative Mantova, Membro del Comitato Scientifico di  Ecomondo.Anche Piero Gattoni sarà con noi ad #EcoFuturo2016, per confrontarsi in diverse tavole rotonde sui temi del #Biogasfattobene.

 _______________________________________

mago-Walter-KlinkonWALTER KLINKON 

Il mago Walter è nato quattro volte! La prima: nel gennaio del  1975 a trieste, acquario.

La seconda: a 14 anni, quando ebbe l’illuminazione, capendo che l’unico modo per uscire dalla scuola era paradossalmente studiare (ironia vuole che vi sia poi ritornato, a scuola, come maestro nell’ “ora di magia”, all’interno del Festival Comunità Educante di Faenza).Timido ed impacciato, mosse i primi passi su un nuovo palcoscenico, fece l’apprendista macellaio. Poi il militare, il barista, l’elettricista e il muratore.

La terza: a 24 anni quando imparò l’inglese in un ristorante… francese a Londra!

Prendendosi paura e sentendosi “vecchio”, riprese allora uno dei tanti lavori già fatti, e ne aggiunse di nuovi, come magazziniere, fattorino, salumiere…La quarta: a 28 anni, quando gli venne posta la domanda: “cosa vuoi fare da grande?”

Rispose l’animatore, ma trovò poi tante scuse per non partire, finché all’ennesima domanda “cosa vuoi fare da grande?” capì quale sarebbe stata la sua strada…

Il palcoscenico.

_______________________________________

CARMELO-BASILECARMELO BASILE

Laureatosi a pieni voti in Economia e Commercio si è poi specializzato presso la Luiss di Roma in Gestione delle aziende agricole.Attualmente è presidente della Società Cooperativa “Fattoria della Piana” (con 80 dipendenti), che si occupa della produzione e distribuzione di prodotti alimentari (lattiero-caseari con certificazione BRC-IFS), della produzione di energia da fonti rinnovabili (biogas, fotovoltaico).Le attività di integrazione di filiera, produzione energia rinnovabile e gestione ambientale dell’azienda hanno ottenuto riconoscimenti nazionali da Consip (Ministero delle Finanze), Legambiente, Fondazione Sodalitas.E’ anche amministratore dell’Azienda Agricola “Uliva Società Agricola Società Semplice” (40 dipendenti), che si occupa dell’allevamento di 900 capi bovini, della coltivazione di foraggi e agrumeti, della produzione di energia da fonti rinnovabili (biogas e fotovoltaico).

_______________________________________

Ettore ValzaniaETTORE VALZANIA

E’ il presidente della Cooperativa sociale “Fratelli è Possibile”,  una delle applicazioni più attuali del concetto di impresa sociale.

L’esperienza nasce dieci anni fa quando, insieme a un gruppo di persone, sceglie di vivere e testimoniare anche nell’ambito del lavoro, esperienza e valori del carisma francescano, applicando concretamente il concetto di economia fraterna.

Decidono così di investire i propri risparmi, impegnando le rispettive capacità e le esperienze professionali per creare opportunità di lavoro, per chi è a rischio di esclusione sociale o fuori dal mercato del lavoro.

Nascono in questo modo, nel corso del tempo, i quattro settori che compongono oggi la cooperativa: l’edilizia sostenibile con l’innovativo sistema costruttivo LegnoSinergia; l’agricoltura sociale che prevede  l’inserimento lavorativo di persone a rischio emarginazione; la mediazione sociale e dei conflitti con l’attivazione di progetti di housing sociale e cohousing; l’editoria dando vita a due riviste di attualizzazione della Parola, la cartacea Momenti Francescani e TauApp, con contenuti multimediali sempre aggiornati.

Il format della cooperativa è quello di reinvestire gli utili nella costruzione di nuovi progetti di housing sociale, cohousing e nell’edilizia residenziale sociale, perché come ama ripetere: “la Fratelli è Possibile è una realtà che vive da 10 anni con la testa da impresa e il cuore da cooperativa sociale!”

_______________________________________

Elisabetta-TiveronELISABETTA TIVERON

Nata e cresciuta nella campagna alle porte di Venezia, la passione per il cibo (insieme alla cicatrice di un morso di coniglio sulla punta di un dito) la accompagna fin dalla più tenera infanzia, quando trotterellava al fianco della nonna materna – inimitabile cuoca contadina – tra aia, campi e cucina; e affiancava, con vanga e rastrello mignon appositamente creati, il nonno nei lavori nell’orto.Dalla mamma ha ereditato l’amore per i libri, per l’arte in ogni sua forma, e l’attenzione verso una cucina salubre ed eticamente corretta.Di pari passo, sono cresciute in lei (…con lei) la passione per le tematiche geo-storico-sociali (sfociata in una laurea in storia), la voglia di capire l’umanità che la circonda, di conoscere culture diverse, ma anche di approfondire, riscoprire, non far dimenticare quella di provenienza: Venezia ed il suo territorio sono una miniera inesauribile!Ama ricercare, raccogliere e raccontare storie, viaggiare (fisicamente, mentalmente, emozionalmente), incontrare, scoprire, condividere.Cucina su richiesta, tiene lezioni e laboratori, scrive, organizza eventi che ruotano intorno al mondo del cibo e dell’editoria.Ha pubblicato parecchi libri, non soltanto sul cibo; suoi interventi si trovano anche in pubblicazioni collettive, oltre che in diverse riviste e siti (Erodoto108, Venezia.net, Prime Pagine Magazine, Il Leone Verde).E poi danza. Ogni tanto vi può capitare di vederla performare in giro, con altri danzatori, musicisti, scrittori, attori.

_______________________________________

don albino bizzottoDON ALBINO BIZZOTTO

Ordinato sacerdote nel 1963, durante gli anni ottanta visita alcuni paesi dell’America Latina, che segneranno il suo percorso pastorale e le sue idee politico/sociali.Emarginato dalle gerarchie e amato dai poveri, diventa punto di riferimento insieme a don Tonino Bello del pacifismo italiano.

Diventa da allora promotore di varie iniziative volte alla pace ed allo sviluppo dei paesi del sud America e nel resto del mondo.

Nel 1985 fonda l’associazione “Beati i Costruttori di Pace”, un’organizzazione per la pace ed il disarmo nel mondo. Nel 1992 organizza una marcia nonviolenta nella Sarajevo assediata coinvolgendo cinquecento giovani folli a cui si unirono don Tonino Bello e Mons. Luigi Bettazzi.

Ad Albino Bizzotto si deve la rottura dell’assedio per la cooperazione internazionale facendo della sua associazione canale per aiuti da tutto il mondo.

È anche sua l’iniziativa di fondare e dirigere la locale trasmittente radiofonica “Radio Cooperativa” che trasmette da Padova coprendo quasi tutto il Triveneto definendosi come una radio di “contro informazione”.

Nel 2013 è stato protagonista di un digiuno per l’ambiente e contro il malaffare che si cela dietro le cosiddette grandi opere

_______________________________________

paolo-cacciariPAOLO CACCIARI 

Attivista, giornalista, ha collaborato con numerose testate tra cui il manifesto e l’Unità. Ha svolto diversi incarichi pubblici elettivi.

Dal 1976 al 1985 come consigliere comunale, assessore e vicesindaco (dal 1982 al 1985) del Comune di Venezia.

E’ stato inoltre assessore all’Ambiente e al Centro pace del Comune di Venezia dal 2001 al 2005 dando vita al progetto “Cambieresti?”.

Consigliere regionale dal 1990 al 2000, approda poi indirettamente in Parlamento nel 2006.

E’ co-fondatore dell’ Associazione Nazionale della Decrescita (www.decrescita.it).

Ha scritto numerosi saggi, fra i quali “Pensare la decrescita” (2006) e “Decrescita o barbarie” (2008), “Agire la nonviolenza” (2004), “Sulla comunità politica” (2007) e “Vie di Fuga” (2014). Ha curato “La società dei beni comuni” (2010) e “Viaggio nell’Italia dei beni comuni” (2012). É coautore di “Immaginare la società della decrescita” (2012).

Collabora con il sito www.comune-info.net.

Il suo ultimo lavoro è “101 piccole rivoluzioni. Storie di economia solidale e buone pratiche dal basso” nel quale documenta nuovi modelli di convivenza fondati su sistemi economici più sostenibili, sia sotto l’aspetto ambientale che sociale. Azioni e attività diffuse, spesso piccole e limitate, che hanno però in sé la potenzialità di cambiare in profondità i modi di pensare e i comportamenti perché riconducono la vita degli individui e le relazioni umane in un contesto di responsabilità, di collaborazione e di sobrietà.

_______________________________________

Ani Ciampa TashiAni CIAMPA TASHI

Monaca della tradizione buddhista mahayana, nata a Roma 60 anni fa, ebbe come primo maestro il Ven. Ghesce Sonam Giang Ciub.

Ora vive presso il Monastero Lhungtok Choekhorling di Pomaia (PI), è studente all’ultimo anno del Masters Program della FPMT (Federazione per il mantenimento della tradizione mahayana), ha esperienza di vari tipi di meditazione ed ha tenuto corsi e ritiri presso centri quali il Samantabhadra di Roma, il L.U.I.BEN di Ostia, il Monastero tibetano di Cisterna di Latina e altri ancora.

_______________________________________

Ph Jannacci ARPAOLO JANNACCI

E’ uno dei più ecclettici e completi musicisti del panorama italiano, compositore e arrangiatore, suona il pianoforte, la fisarmonica e il basso.Inizia lo studio dello strumento all’età di sei anni con  Lina Marzotto Pollini e Davide Tai. Prosegue gli studi di strumento e armonia con il padre Enzo Jannacci, Paolo Tomelleri e il Maestro Ilario Nicotra, parallelamente ad una formazione linguistico-umanistica. È un musicista professionista dal 1988. Dal 2008 si perfeziona musicalmente presso il Conservatorio “Verdi” di Como con il maestro Carlo Morena.

E’ noto anche al pubblico televisivo per la sua partecipazione come direttore musicale nel programma “Zelig” (edizioni 2010, 2011, 2012) e per aver diretto l’orchestra sinfonica di Sanremo nel 1998 per Enzo Jannacci e nel 2004 per Gino Pacifico.

Ha suonato e collaborato con: Dario Fo, Enzo Jannacci, Paolo Conte, Claudio Baglioni, Francesco Guccini, Claudio Bisio, Giorgio Gaber, Paolo Rossi, Chico Buarque, Ornella Vanoni, Maurizio Bassi, Cristiano De Andrè, Massimo Ranieri, Roberto Vecchioni, Tazenda, Gino Paoli, Irene Grandi, Celso Valli, Paola & Chiara, Articolo 31, Max Pezzali, Manuela Zanier, Pacifico, Mauro Pagani, Andrea Braido, Cochi & Renato, Ale & Franz, Andrea Rivera, Paolo Tomelleri, Emilio Soana, Paolo Brioschi, Mauro Di Domenico, Stefano Bagnoli, Marco Ricci.Suona jazz attivamente con il suo trio (Marco Ricci e Stefano Bagnoli), duo (con Luca Meneghello alla chitarra acustica ed elettrica) e con il suoi due quartetti: Air Quartet (Marco Ricci, Stefano Bagnoli e Daniele Moretto), Strings Quartet (Marco Ricci, Stefano Bagnoli e Luca Meneghello).

Comincia la sua carriera di arrangiatore dal 1994. Da allora firma diversi lavori per Enzo Jannacci, Ornella Vanoni, Cochi&Renato, Michele Monestiroli.Compone sia per la pubblicità che per il cinema e riceve importanti riconoscimenti sia come autore (Targa Tenco per la miglior canzone italiana nel 2002, 2003 e 2005; Premio Lunezia, Premio Lavagnino…) sia per le sue colonne sonore di film (Nomination Nastro d’argento – miglior canzone originale “Trust in Me” per il film Mi fido di te di Massimo Venier; Nomination David di Donatello – miglior canzone originale per il film Piccoli equivoci di Ricky Tognazzi). Ha in attivo i seguenti album da solista: “Notes” (1999), “Tape 1” (2004), “My Tangos” (2005), “Paolo Jannacci Trio” (2008). Suona attivamente con il suo trio (M. Ricci e S. Bagnoli) e con il suo quintetto (M. Ricci, S. Bagnoli, Daniele Moretto e M. Monestiroli) musica jazz.Insegna musica d’insieme al CPM (Centro Professione Musica) a Milano.

_______________________________________

MandariniMASSIMILIANO MANDARINI

Architetto e Green advisor, si occupa da anni di ricerca e progettazione integrata tra design, architettura e Green Building. Progettista, consulente e coordinatore di svariati progetti e realizzazioni in ambito pubblico e privato in Italia e all’estero. Svolge attività di docenza e ricerca presso il Politecnico di Milano, in particolare nei Master Internazionali sull’Architettura e il Green Design. Membro del board Green Building Council Italia Chapter Lombardia, fondatore di Marchingenio Workshop Laboratorio di Design, Architettura e Servizi Green, specializzato nella filiera del design e del green building, General contractor nel campo dei servizi dell’architettura e della valorizzazione sostenibile del territorio. Manager del Distretto Gate-Green Actractivity Territory per Expo, primo distretto in Regione Lombardia per EXPO 2015 sulle tematiche della valorizzazione sostenibile del territorio. Ha ricevuto, negli ultimi anni, diversi Premi per l’innovazione e la sostenibilità, tra i quali:- il World Green Design Awards – International contribution to Green Furniture, premio ricevuto dal World Green Design Organization nel Padiglione Mediterraneo di EXPO 2015;- il premio Eurosolar della Commissione Europea per gli spazi pubblici, per il primo campus scolastico ad impatto zero (committente: Comune di Milano, gruppo di ricerca Politecnico di Milano);- il premio Zhu Renmin International Ecology, Art &Design per progetti volti alla valorizzazione sostenibile del territorio.

_______________________________________

Valerio-Rossi-AlbertiniVALERIO ROSSI ALBERTINI

E’ un fisico, specializzato in metodi di indagine sia teorici, che sperimentali, su materiali e dispositivi avanzati per la produzione e l’accumulo di energia, quali celle a combustibile, celle fotovoltaiche organiche, batterie a ioni di litio. Laureatosi con lode in Fisica all’Università La Sapienza di Roma si comincia ad occupare di nanotecnologie e fonti di energia alternative. Consegue il dottorato di ricerca in Scienza dei Materiali, diventando il primo dottore di ricerca italiano in tale disciplina. Entra qauindi a far parte del Consiglio Nazionale delle Ricerche, presso l’Istituto di Struttura della Materia. In questa sede, realizza con il suo gruppo, apparecchi innovativi per indagini su dispositivi per la produzione, la conversione e l’accumulo di energia. È autore di oltre 120 articoli scientifici, pubblicati su riviste internazionali.  Dal 2005 il suo laboratorio diventa uno tre maggiori centri pubblici per studi con i raggi X d’Italia. Nel 2010 è stato incluso nella 37ª edizione del prontuario “Who’s Who in the World “, che raccoglie le biografie delle personalità scientifiche più eminenti nei rispettivi settori di attività.

E’ docente del corso di Scienza dei Materiali, presso il Dipartimento di Chimica dell’Università “La Sapienza” di Roma, e di “Tecniche e linguaggi della comunicazione scientifica” presso il dipartimento di Scienza dell’informazione dell’Università “Tor Vergata” di Roma.

E’ consulente di trasmissioni di informazione e comunicazione scientifica su reti nazionali e conduttore di programmi televisivi e scrittore di libri ed articoli di divulgazione scientifica. Attualmente tiene la rubrica “La Scienza Quotidiana”, ogni mattina su Rai1 all’interno di Unomattina.

_______________________________________

tiziano-fantinelTIZIANO FANTINEL

Da  anni segue il Gruppo Coltivar Condividendo che si occupa di biodiversità (soprattutto nella zona del Bellunese) e di preservazione di legumi e cereali  antichi.Il percorso è iniziato con  alcune giornate di scambio semi, da subito molto partecipate, che hanno portato anche ad una bella collaborazione con Carlo Petrini di Slow Food.”Ognuno di noi -sostiene- può diventare custode di semi no OGM (e quindi  riproducibili) di specie che altrimenti  scomparirebbero dalla coltivazione”. Il culmine di queste giornate organizzate da Tiziano assieme al suo gruppo è la giornata di “chiamata a raccolta” che si svolge a Feltre e richiama ormai esperienze nazionali e  internazionali, facendo crescere sempre più la consapevolezza nella comunità che senza la coltivazione e la riproduzione dei semi, ci affideremo a sementi industriali  e non riproducibili. L’ultima fatica di Tiziano sono i CAMPI CATALOGO di leguminose e cereali  antichi. Si impara a  selezionare le  sementi, si coltiva assieme un  campo e così si hanno a disposizione sementi da continuare a coltivare. Completa il suo impegno la lotta contro l’utilizzo dei pesticidi in agricoltura e la predazione dei terreni da parte dei vicini del Prosecco (Trevigiano) e delle mele (Trentino). Ha dato un grande impulso alla definizione del territorio come Biodistretto. 

_______________________________________

MARCO BOSCHINI
MARCO BOSCHINI

E’ noto per i suoi studi sulla propagazione inarrestabile del “virus del buonsenso”.Non è un medico o un biologo, è il coordinatore dell’Associazione nazionale dei #ComuniVirtuosi, che ha anche contribuito a fondare nel 2005 con lo scopo di “difendere l’ambiente, migliorare la qualità della vita e tutelare i Beni Comuni”.Per fare questo è convinto che il modo migliore sia di promuovere e mettere in circolo tutte le #buoneprassi amministrative volte alla sostenibilità ambientale sui temi: acqua, energia, rifiuti, mobilità, territorio, impronta ecologica, nuovi stili di vita. Ed è proprio quello che ha fatto, con grande coerenza, da Assessore all’Ambiente nel Comune di Colorno.Da anni gira l’Italia ospite di comitati, gruppi ed enti locali, raccontando e raccogliendo di volta in volta esperienze incredibili in corso di sperimentazione a favore dell’ambiente e della #partecipazione attiva dei cittadini.E’ stato membro del consiglio direttivo del Movimento per la #decrescitafelice.E’ autore di numerosi saggi (l’ultimo è “Le panchine ribelli. Basta poco per cambiare tutto. Viaggio nell’Italia che non si rassegna”.

Ha un blog personale, uno sul sito del FattoQuotidiano e uno sull’Huffington Post.

_______________________________________

Stefano-FuciliSTEFANO FUCILI

E’ cantautore e compositore. Ha scritto canzoni con il grande maestro Lucio Dalla, che ha prodotto anche i suoi primi singoli.Il suo album “Peter Pan” è stato premiato nella sezione Best European Album al JPFolk Music Awards di Nashville (USA).Nel 2011 pubblica la colonna sonora del musical “Tristano e Isotta”, composto con Francesco Gazzè ed Enzo Vecchiarelli.Ha scritto canzoni per serie televisive americane ABC (USA), per cortometraggi e spot internazionali, per il Coro dell’Antoniano e per film a cartoni animati italiani (Medusa, 20CenturyFox).Dal 2012 sta portando in piazze e teatri lo spettacolo “PIAZZA GRANDE concerto omaggio a LUCIO DALLA”.Ha fatto concerti con Paola Turci, Lucio Dalla, Laura Pausini, Giorgia, Fiorella Mannoia, Alex Britti, Angelo Branduardi e i Nomadi.E’ stato nella rosa dei 24 finalisti per le selezioni di “Sanremo Giovani”. Nel 2014 una sua canzone viene selezionata come uno degli inni di M’Illumino di meno di Caterpillar (RADIO RAI 2). Il suo CD “VITA LIBERA” è stato presentato in anteprima alla Fiera Della Sostenibilità.Nel gennaio del 2016 debutta nel Teatro di San Costanzo nelle Marche con lo spettacolo ” La realtà è più avanti, viaggio nell’Italia che cambia” del giornalista Daniel Tarozzi con canzoni e  musiche, eseguite dal vivo, insieme all’attore e regista Fabrizio Bartolucci e al chitarrista Tommaso Baldini. Lo spettacolo, è ispirato  al viaggio di Tarozzi attraverso le tantissime realtà virtuose italiane, viene replicato in diverse città.Ad Aprile esce l’album-raccolta Italian Pop, con 21 brani di cui i due inediti Ti Sento (colonna sonora del nuovo spot TV di Ti Sento Milano) e L’Italia che cambia siamo noi (inno di italiachecambia.org), il meglio delle canzoni estratte dai suoi album,  tre omaggi a Lucio Dalla e il brano strumentale Spaghetti Western Lullaby, ispirato al mondo di Ennio Morricone, inserito nella colonna sonora del Film americano Malibo Road in uscita a settembre nei cinema di 19 paesi. A maggio Stefano è protagonista di un fortunato tour di presentazione dell’album Italian Pop di concerti in Olanda.Il 1 luglio del 2016 “Ti Sento” è uscito nelle radio italiane con Red&Blu accompagnato dal estivissimo video clip realizzato dal fotografo Alessio Cocchi in una bellissima spiaggia di Phuket in Thailandia. Durante l’estate del 2016 sarà in giro per l’italia con tre progetti diversi, la presentazione di Ti sento e Italian Pop, PIZZA GRANDE omaggio a Lucio Dalla e lo spettacolo La realtà è più avanti.

_______________________________________

Giobbe-CovattaGIOBBE COVATTA

Nato in Puglia ma cresciuto a Napoli, dopo gli esordi come animatore turistico la sua gavetta ha inizio nel 1987 sul canale Odeon Tv con il programma “Una notte all’Odeon” e nel 1988 debutta in Rai su Rai 2 con il programma “Tiramisù”. Lo stesso anno appare in televisione a Rai 2 con Fate il vostro gioco e Chi c’è c’è, regia di Gian Carlo Nicotra, dodici puntate con il pugliese Gianni Ciardo, in onda da Milano. L’anno seguente lo ritroviamo su Odeon Tv, mentre nel 1990 arriva la svolta e trova il suo trampolino di lancio nel Maurizio Costanzo Show, che gli concede la fama nazionale.Nel 1991, esordisce al teatro Ciak di Milano con l’opera “Parabole Iperboli”. Nel 1994, con la collaborazione di Greenpeace, realizza uno spettacolo che tratta la salvaguardia delle balene con il titolo “Aria Condizionata” dall’irriverente sottotitolo (e le balene mò stanno incazzate…..). Dal 1995 al 1997 è sempre in scena, prima con lo spettacolo “Primate Assoluto”, poi debutta a Roma al Teatro Parioli con “Io e Lui”, spettacolo scritto e diretto con altri due attori di teatro partenopei Vincenzo Salemme e Francesco Paolantoni, e infine “Art” dove è diretto da Ricky Tognazzi. Grandissimo successo a livello nazionale è il suo “Dio li fa e poi li accoppa”, tanto da convincerlo a concedere il bis con “Dio li fa…Terzo millennio”.

Nel 1993, però, ha anche esordito sul grande schermo con Pacco, doppio pacco e contropaccotto, poi in Camere da letto del 1997, e nel 1999 è protagonista in Muzungu – Uomo bianco. Nel biennio 2001 e 2002 ritorna in teatro con la commedia “Double Act” al teatro Parioli e riappare anche su Rai 2, con a fianco Serena Dandini e Corrado Guzzanti nel programma L’Ottavo Nano.La passione per la vela lo conduce a essere ospite in Velisti per caso e a diventare un simpatico maestro di navigazione in Vela spiego io in onda sul Sailing Channel per l’emittente Sky.Molta fortuna ha avuto anche nell’editoria dove i suoi libri hanno riscontrato sempre un buon successo di pubblico. Già con il primo libro Parola di Giobbe, rivisitazione della Bibbia, pubblicata nel 1991, sbanca le classifiche con un milione di copie vendute. Nel 1993 e nel 1996 pubblica Pancreas – Trapianto del libro Cuore e Sesso? Fai da te!. Nel 1999 ritorna con Dio li fa e poi li accoppa, tratto dal suo spettacolo, dove rivisita Creazione e Diluvio.Nel 2001 va in scena Corsi e ricorsi, ma non arrivai, spettacolo teatrale che porta lo stesso titolo di un libro pubblicato nel 2005, mentre è del 2004 Melanina e Varechina, uno spettacolo che affronta il rapporto fra Africa e mondo occidentale.A gennaio 2007, debutta in teatro con Seven. La stagione 2007/2008 di Zelig, condotta da Claudio Bisio e Vanessa Incontrada ospita Covatta in scena con un nuovo personaggio. Nell’estate 2008 prende parte ad una serie televisiva prodotta da Mediaset, “Medici Miei”, nella quale impersona il Dottor Colantuono, primario nella clinica Sanabel.A gennaio 2010, debutta in teatro con Trenta, spettacolo dedicato ai 30 articoli della Dichiarazione universale dei diritti umani.A marzo 2011, in coppia con Enzo Iacchetti a teatro con “Niente progetti per il futuro” una commedia con ben 87 repliche nei teatri di tutta Italia.Da gennaio 2012, porta in teatro  (sei gradi). Anche in questo caso il numero ha un forte significato simbolico: rappresenta l’aumento in gradi centigradi della temperatura del nostro pianeta.Da sempre è impegnato sulle tematiche ambientali, anche a livello politico, fino ad essere eletto, nel novembre 2015, nuovo portavoce nazionale della Federazione dei Verdi. Sposato con Paola, ha due figli, nati nel 1989 e nel 1996.

_______________________________________

LUCIA_CUFFAROLUCIA CUFFARO

Collabora con la trasmissione Unomattina in Famiglia in diretta su Rai Uno, conducendo da 3 anni la rubrica “Chi fa da sé”, in cui propone una serie di laboratori pratici di autoproduzione e consigli ecologici.Ha partecipato come ospite a varie trasmissioni televisive (Mezzogiorno Italiano – Rai 1, Animali & Animali di Licia Colò, Siamo Noi, etc.) e programmi radiofonici.Scrive articoli ecologici su varie riviste e testate (Star bene, Vivi consapevole, LaNuovaEcologia, etc.).A novembre 2014 ha pubblicato il libro con il gruppo editoriale Macro: “FATTO IN CASA. Smetto di comprare tutto ciò che so fare”, che ha ottenuto un ottimo riscontro di pubblico, andando in esaurimento della prima stampa di 4.000 copie già al primo giorno di uscita.Il libro è un manuale di autoproduzione e decrescita felice che illustra come spesso si può far a meno di comprare molte cose che si possono fare a da soli.  Lucia Cuffaro offre consigli che vanno dalla cucina alla cosmetica e all’igiene per la casa come la ricetta per il detersivo fatto in casa.Il suo secondo libro “Risparmia 700 Euro in 7 Giorni” è un vera e propria guida sul risparmio ecologico, dal risparmio energetico allo sharing economy, per capire come sia possibile ottimizzare le risorse attraverso gesti eco-compatibili. Vicepresidente nazionale del Movimento per la Decrescita Felice e presidente del Circolo di Roma, è impegnata come attivista nella divulgazione di riflessioni su tematiche di riduzione degli sprechi.Lavora come collaboratore parlamentare presso la Camera dei Deputati occupandosi di comunicazione, rifiuti, ecoreati e materie ambientali.E’ attrice nella compagnia di improvvisazione teatrale gli “AstrAtti”.Ha fondato l’associazione “Massimina.it”, che opera per la bonifica della discarica di Malagrotta a Roma e la valorizzazione culturale del quartiere adiacente. 

_______________________________________

FAURIMAURIZIO FAURI

E’ Professore associato di Sistemi Elettrici per l’Energia presso il Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Meccanica dell’Università degli Studi di Trento.Titolare dell’omonimo Studio di Ingegneria e Presidente della società Polo Tecnologico per l’Energia srl.Delegato AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione) per il Trentino Alto-Adige e membro del Comitato Tecnico dell’ ATIQUAL (Albo di Qualificazione degli Installatori Elettrici Trentini).Presidente della Commissione Tecnica IMQ “Certificazioni del personale e certificazioni ambientali di prodotto e imprese” per la stesura delle regole di certificazione.Presidente giuria GoodEnergyAward, premio istituito dal Bernoni Grant Thornton, che mira a valorizzare le capacità imprenditoriali e le performance di un settore, quello dell’efficienza energetica.E’ membro del Comitato Scientifico istituito da Assoservizi Trento nell’ambito del piano formativo TREE – Technology, Resources, Efficiency, Environment, con funzione di analizzare i fabbisogni formativi, verificare e validare i contenuti e le metodologie didattiche.Autore del brevetto nazionale “Batterie primarie (non ricaricabili) e secondarie (ricaricabili) a base di elettroliti polimerici basati su ioni magnesio”, nonché autore di nove libri e di oltre settanta pubblicazioni scientifiche.Ma soprattutto è membro del nostro ComitatoScientifico di #EcoFuturo e ben consapevole che questo titolo vale più di tutti gli altri messi insieme!

_______________________________________

Dario TamburranoDARIO TAMBURRANO

E’ nato nell’agosto del 1969. Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria nel 1996 presso l’Università La Sapienza di Roma, esercita la libera professione come consulente specialistico odontoiatrico ma fin dall’inizio della professione, piuttosto che dedicarsi esclusivamente all’incremento del reddito annuo, preferisce dare priorità assoluta al rapporto umano con i pazienti, all’impegno civile e culturale, senza diventare solo una ruota dentro un ingranaggio. Nel tempo liberato quindi coltiva l’orto, lo zafferano, legge e si occupa di politica, attività associativa e culturale, traduzione e divulgazione in rete di saggistica e report relativi a ambiente, energia, clima e nuove economie. E’ cofondatore del Circolo delle Decrescita Felice di Roma e di Transition Italia (nodo italiano del Transition Network). Dal 2009 a oggi è socio di ASPO Italia (sezione nazionale della Association for the Study of Peak Oil and Gas), di Arcipelago SCEC e di ISDE (International Society Doctors for Enviroment). Da luglio 2010: partecipazione al progetto di libera connettività che si è concretizzato nella Rete Mesh cittadina di NoiNet.eu.Ha contribuito a numerose traduzioni gratuite e collaborative in rete di testi e video, fra i quali “Piano B 3.0-Mobilitarsi per salvare la civiltà” di Lester Brown, Edizioni Ambiente (primo caso in Italia di pubblicazione integrale e di un testo sul web e distribuzione contemporanea in libreria); “Moltitudine Inarrestabile. Come è nato il più grande movimento al mondo e perché nessuno se ne è accorto” di Paul Hawken; “La transizione agroalimentare. Verso un modello indipendente dai combustibili fossili” del Post Carbon Institute; “Una fattoria per il futuro” documentario della BBC di Rebecca Hosking; “Post Carbon Cities.Come affrontare l’incertezza energetica e climatica.Una guida al Picco del petrolio e al riscaldamento globale per gli amministratori locali” di Daniel Lerch del Post Carbon Institute; “Crash Course” video-corso di Chris Martenson su Economia, Energia & Ecosistemi; “TEQs: politiche di decrescita emissiva ed energetica per l’epoca del Picco del petrolio e dei Cambiamenti climatici” della House of Commons (parlamento) inglese; “Permacultura per tutti” di Patrick Whitefield, Edizione Terra Nuova; “2052. Scenari globali per i prossimi 40 anni” di Jorgen Randers, Edizioni Ambiente; e di molti altri ancora… Dal 2009 al 2012 ha scritto articoli per il giornale online Il cambiamento.it.Dal 2007 cura il sito www.indipendenzaenergetica.it, coordinandone il gruppo di traduzione e la divulgazione e ove sono presenti in libera consultazione i testi sopra citati, la maggior parte dei quali in forma integrale. Ha partecipato a numerose conferenze, eventi pubblici e seminari su temi politici, sociali, energetici (peak oil, resilienza, autoproduzione, decrescita e modelli di sviluppo sostenibili). Si occupa di politica all’interno del Movimento 5 Stelle da fine 2005 (Meetup Roma) ove ha avuto il ruolo di assistant organizer, organizzatore eventi e di responsabile gruppo ambiente e gruppo di traduzione.Ha realizzato e condotto orti sinergici e orti urbani comunitari a terra e pensili, messo in opera di impianti di irrigazione a risparmio idrico e sviluppato tecniche sperimentali della coltivazione dello zafferano biologico secondo i principi della Permacultura. Ha conseguito l’attestato Internazionale del Modulo iniziale di Progettazione in Permacultura rilasciato dall’Accademia Italiana di Permacultura. E’ stato eletto al Parlamento Europeo nelle elezioni del 25 maggio del 2014 ed è attualmente  membro titolare della Commissione Industria, ricerca e energia (ITRE) e della Delegazione per la Russia (D-RU), membro supplente della Commissione Agricoltura e sviluppo rurale (AGRI), della Delegazione per l’Ucraina (D-UA) e della Delegazione all’Assemblea parlamentare Euronest (DEPA). Dal 12 febbraio 2015 sono vicepresidente dell’Interguppo del Parlamento Europeo “Common Goods and Public Services”.

_______________________________________

Dino-MengucciDINO MENGUCCI

Negli anni ’80, dalle ceneri di una vecchia azienda agricola biologica distrutta da un incendio -come la fenice- ha saputo ricavare il Centro Panta Rei, una tra le più attive fattorie-scuola d’Italia, nel comune di Passignano sul Trasimeno.Ha integralmente recuperato la struttura con tecniche di bio edilizia, risparmio energetico e fitodepurazione delle acque, creando un meraviglioso eco villaggio di 162 ettari di terreno.

Qui accoglie ogni anno centinaia di bambini e adulti che vengono a trascorrere un periodo di vacanze-studio a Panta Rei (http://www.pantarei-cea.it/), divenuto ormai un Centro di esperienze per l’educazione e la formazione alla sostenibilità.Fin dalla sua costituzione Pantarei si pone obiettivi di libertà di espressione con la consapevolezza etica dei gesti quotidiani, unendo sperimentazioni di tipo ambientalista a concetti di spiritualità e salute, attraverso lo scambio intergenerazionale di “bambini da 0 a 100 anni”, con incontri e workshop, con pratiche di autoformazione e di comunità educante, che vanno dalla raccolta alla trasformazione dei prodotti, dalla panificazione alla distillazione, dalla bioedilizia alla cucina vegana, dalla permacultura all’artigianato…A dimostrazione di una attenzione e di una sensibilità umana straordinarie, ha addirittura pensato e realizzato la prima “terrazza sull’albero” accessibile ai disabili.(Guardate i suoi occhi e il suo sorriso, non volete anche voi incontrarli di persona?)

 _______________________________________

allasiaGIOACCHINO ALLASIA

Si occupa di discipline energetiche dal 1979. Esperto insegnante di Shiatsu e Craniosacrale, ha fondato e diretto per anni la scuola di ShiatsuKi – Scuola di Shiatsu di Firenze.
Tiene corsi di ‪Shiatsu‬ e ‪Craniosacrale‬ in Italia e all’estero.
Ideatore ed ispiratore della legge regionale Toscana che per prima ha riconosciuto l’esistenza a livello istituzionale delle Discipline Bio-Naturali per il ‪‎benessere‬ e la ‪salute‬ (tra le quali il Bilanciamento Craniosacrale e lo Shiatsu), ha promosso negli anni svariate iniziative sociali pubbliche gratuite, sostenute e patrocinate dalla Regione Toscana, volte a divulgare pratiche aventi a che fare con il “prendersi cura” in modo naturale e non violento della persona.

_______________________________________

ALESSANDRO GIUBILOALESSANDRO GIUBILO

E’ stato amministratore per quasi 10 anni di Flexienergy, azienda che si occupa di distribuzione di prodotti per energia rinnovabile ed è specializzata nel micro mini ‪eolico‬.Attualmente è Presidente ASSIEME, associazione di settore che si occupa dello sviluppo e della diffusione del micro mini eolico in Italia, che attualmente è una delle 22 associazioni di settore autorizzata a trattare con il ‪Governo‬ per i decreti attuativi.

_______________________________________

gianni-girottoGIANNI GIROTTO

Prima di essere eletto in Parlamento, è stato impiegato in aziende manifatturiere e di servizio dal 1984 al 2012, con una parentesi di 6 anni come libero professionista, e svolgendo nel tempo libero attività di volontariato con diverse ‪ONG‬ nazionali ed internazionali, le cui esperienze sono ora parte integrante dell’attività che svolge nelle istituzioni.

Nel 2003 apre il proprio sito web “Tracce” per raccogliere informazioni e condividere esperienze sulle tematiche ambientali, sociali e politiche di proprio interesse.

Il 27 febbraio 2013 è stato eletto al Senato della Repubblica e da Maggio 2013 fa parte della Commissione Industria Commercio e Turismo, come capogruppo per il Movimento 5 Stelle.

Gli argomenti principali su cui rivolge la sua azione politica riguardano i settori dell’ ‪Efficienza Energetica‬ e le Fonti di Energia Rinnovabile. Collateralmente segue la riduzione delle Esternalità e le problematiche relative al recupero e riciclaggio delle “materie prime secondarie”, e il supporto delle attività di Ricerca&Sviluppo per le PMI.

Su tali argomenti si è fatto promotore di numerose iniziative di supporto, sia a livello istituzionale mediante Disegni di legge, Interrogazioni, Mozioni, Interpellanze, sia a livello comunicativo mediante conferenze stampa, convegni, partecipazioni a riunioni ecc.

E’ un convinto sostenitore dell’efficienza energetica come priorità assoluta per diminuire la dipendenza dalle importazioni estere, diminuire l’impatto ambientale e financo far ripartire la filiera edile italiana, e quindi l’economia generale, gravemente compromessa da anni di crisi profonda.

Egualmente ritiene le ‪Fonti di Energia Rinnovabile‬ il necessario completamente di una politica che ci possa portare all’autonomia energetica e al mantenimento di una delle poche filiere industriali che dopo il 2008 e sino al 2011 era stata in controtendenza rispetto alla generica flessione di molti comparti nazionali, ma che stante le politiche attuali sta deperendo.

Sta supportando anche una corretta ripresa della gestione della filiera legno/boschi, che potrebbe portare ad ottimi risultati su tre fronti: la ‪sicurezza idrogeologica‬, lo sviluppo di ‪posti di lavoro‬ lungo tutta la nostra penisola, e l’utilizzo della biomassa legnosa come pezzo del “puzzle” delle fonti rinnovabili.

_______________________________________

giampietro_danielaGIAMPIETRO ZONTA E DANIELA RACCANELLO

Nella prima edizione di EcoFuturo ci avevano stupiti portando al Festival la prima collana al mondo che brilla di luce propria, grazie ad una tecnologia unica che trasforma l’energia del sole prendendo spunto dalla fotosintesi clorofilliana. L’anno scorso Gianpietro Zonta e Daniela Raccanello, i titolari dell’azienda orafa D’orica di Nove, sono tornati ad Alcatraz, per annunciarci un’altra originale novità.

E’ l’estate del 2014 quando Daniela inizia a disegnare una nuova collezione di gioielli, ricercando un filato che abbia la stessa preziosità ed eleganza dell’oro. Insieme al marito Gianpietro individua nella seta la perfetta sinergia con la produzione dei loro manufatti, ma per essere in linea con la filosofia aziendale di valorizzazione del Made in Italy, vorrebbe una seta interamente prodotta in Italia. Peccato soltanto che la seta italiana… non esista più! Da tanti, tanti anni.

Secondo voi si sono arresi? Fortunatamente no.
Risvegliando passioni sopite, riscoprendo straordinarie professionalità, coinvolgendo persone, imprese ed istituzioni hanno dato vita ad un ambizioso progetto: la rinascita, dopo più di 50 anni, della vera seta 100% italiana. Una seta che è anche “etica”, perché oltre a rispettare e valorizzare il lavoro artigianale, nasce da una filiera produttiva rispettosa dell’ambiente e interamente Made in Italy, dai bachi da seta al prodotto finitoaverso una rete d’imprese costituita con tre cooperative sociali che si occupano anche di gelsibachicoltura, sono riusciti a ricostruire e riorganizzare l’intero ciclo produttivo della seta, dalla coltivazione del gelso all’allevamento dei bachi, fino alla trasformazione del filato, grazie alla preziosa collaborazione di Silvia Cappellozza e del CRA-API di Padova.

Ed è così che dalle abili mani dei maestri artigiani di D’orica, fili di seta vengono intrecciati assieme all’oro per creare oggetti unici ed esclusivi. Già presentati ai mercati internazionali, questi manufatti stanno riscuotendo grandi consensi, soprattutto da parte del pubblico femminile! Se vi capiterà di incontrare di persona Gianpietro Zonta, lo sentirete sicuramente esclamare: “E’ incredibile quello che sta succedendo!”. In pochi secondi verrete travolti dalla passione che spinge tutta la squadra dei “serici”, come amano definirsi gli esperti e i professionisti coinvolti nel progetto “La Rinascita della Via della Seta.
Una passione che sta aprendo non una ma tante strade, anzi tante “vie” della Seta, di cui quest’anno torneranno a parlarci insieme ad Angelo Paganin del Cantiere della Provvidenza!
Il loro mantra? “La sapienza del passato, la passione del presente, l’innovazione del futuro”.
Ah, un’ultima cosa: vi invitiamo ad adottare il nuovo saluto dei “serici”, che ormai non dicono più “buona sera”, ma il ben più originale “buona SETA”… provare per credere!

Per saperne di più: www.setaetica.it

_______________________________________

giovanni_battistiniGIOVANNI BATTISTINI

E’ ingegnere, ha 46 anni e vive a Cesena. Da oltre 15 anni si occupa di progettare interventi di ‪‎risparmio energetico e di sviluppare energie rinnovabili nelle scuole.

Da 4 anni dirige “Energie per la Città” Spa, società controllata dal Comune di Cesena, per il quale riveste anche il ruolo di Energy Manager.

E’ progettista di edifici passivi, certificato dal PassivHaus Institut di Darmstad (Germania).

Negli ultimi 5 anni ha svolto la funzione di coordinatore tecnico per il Comune di Cesena nell’ambito del progetto europeo “‪‎School of the future‬”.

Negli ultimi anni ha ideato e coordinato il progetto “caldaie in rete” che ha consentito al Comune di Cesena di aggiudicarsi nel 2013 il premio “‪Smart City RoadShow‬” allo SMAU.

«Penso che un progetto sia completo quando ti sei preoccupato anche di insegnare come lo hai ideato ai più giovani. Nel mio lavoro ho avuto conferma che le persone devono essere il fine e non il mezzo dei nostri sforzi.»

_______________________________________

LAURA-PUPPATOLAURA PUPPATO

Trevigiana, imprenditrice nel settore assicurativo-finanziario, attivista e responsabile di area del ‪‎WWF‬ negli anni Novanta, si è impegnata in Croazia e ‪‎Bosnia‬ nel sostegno alle popolazioni colpite dal conflitto jugoslavo.

La sua carriera politica comincia nel 2002, a seguito ad una battaglia per impedire la costruzione di un ‪‎inceneritore‬ a Montebelluna (Tv), si candida Sindaco e vince a sorpresa appoggiata dalle liste del centrosinistra, ottenendo poi la riconferma nel 2007.

Durante i suoi mandati Montebelluna affronta una rivoluzione ambientale che porta la cittadina trevigiana ad essere conosciuta in tutto il paese e lei a divenire una politica di primo piano in regione e non solo.

Nel 2009, infatti, diventa Presidente del Forum Politiche Ambientali del PD. Nel 2013 si candida alle primarie del centrosinistra e in seguito diventa senatrice.

Porta in Senato il suo impegno per l’Ambiente e per i ‪diritti sociali‬, è oggi infatti membro della XIII Commissione permanente, Territorio Ambiente e Beni Ambientali e capogruppo PD in Commissione Bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti.

Ha presentato un disegno di legge per limitare il ‪‎consumo di suolo‬.

_______________________________________

mirko_bustoMIRKO BUSTO

Dopo una laurea in ingegneria ambientale al Politecnico di Torino, ha lavorato nella ricerca, prima collaborando con il gruppo di ricerca sull’ ‪Analisi di Ciclo di Vita‬ (LCA) del Politecnico di Torino, poi come borsista all’Istituto per l’Ambiente e la Sostenibilità del Centro di ricerca europeo (JRC-IES) di Ispra (Va) dove ha anche conseguito il suo dottorato di ricerca.

L’LCA è una metodologia che consente di valutare gli impatti ambientali di un prodotto o servizio analizzando tutte le fasi della sua vita: dalla estrazione delle materie prime necessarie alla sua produzione, fino al suo smaltimento come rifiuto dopo il suo utilizzo (approccio detto “dalla culla alla tomba”).

Nel suo percorso di ricerca, si è occupato principalmente di valutare l’impatto ambientale delle attività agricole europee tramite simulazioni con modelli matematici, per fornire sostegno scientifico allo sviluppo e all’attuazione delle politiche ambientali europee dirette alla sostenibilità.

Oltre alla ‪‎ricerca‬ ha fondato assieme ad alcuni colleghi ricercatori uno spin-off universitario che si è occupato di proporre soluzioni per la ‪‎sostenibilità ambientale‬ al settore privato attraverso la metodologia LCA.

Coltiva da sempre le sue più grandi passioni: il canto lirico, le arti marziali cinesi (Tai Chi) e la passione per la visione sistemica e la sua divulgazione.

Dal 2013 è parlamentare deputato della Repubblica Italiana e partecipa ai lavori della Commissione ambiente territorio e lavori pubblici.

È anche vicepresidente del gruppo interparlamentare sui cambiamenti climatici ‪GLOBE‬.

Ha aperto un blog (mirkobusto.net) per raccontare la sua attività politiche e il suo pensiero, e per provare a seminare il suo piccolo contributo al cambiamento.

_______________________________________

GABBANIGIULIANO GABBANI

Nato a Firenze, Geofisico e Geologo Applicato, Professore di Engineering Geology, Esplorazione Geologica del Sottosuolo, Laboratorio di Idrogeologia, Idrogeologia, Geologia Applicata del Territorio e Valutazione di Impatto Ambientale presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze nella quale presta servizio del 1972.

Si è formato come geofisico sulla Nave Oceanografica Bannock partecipando in vari periodi a 12 crociere oceanografiche nazionali ed internazionali delle quali le ultime 5 è stato Capo Spedizione.

All’inizio degli anni 2000 ha pensato, sviluppato e fatto ottenere, primo in Italia, due permessi di ricerca geotermica in due aree limitrofe ai Comuni di Prato e Campi Bisenzio.

E’ membro dell’IBMET (Istituto Biometereologia del CNR, Sezione di Sassari) nella quale struttura si è occupato di monitoraggio ambientale terrestre e marino.

E’ Coordinatore di un gruppo di Ricerca che ha redatto oltre 20 permessi di ricerca geotermica a media entalpia in Toscana, Sardegna, Lazio e Umbria. Ha fondato, insieme ad altri prestigiosi ricercatori nazionali ed internazionali, il GIGA (Gruppo Informale Geotermia e Ambiente), Associazione no profit che si occupa soprattutto dello sviluppo di energie rinnovabili a impatto zero, del quale è Responsabile Scientifico.

E’ stato consulente scientifico di alcune società partecipate; Membro di molte prestigiose società scientifiche nazionali ed internazionali. Infine è autore di oltre 200 pubblicazioni su riviste nazionali ed internazionali.

_______________________________________

sergio-ferrarisSERGIO FERRARIS

E’ nato a Vercelli poco più di mezzo secolo addietro, è giornalista professionista e scrive di scienza e tecnologia mettendole caparbiamente in relazione ai problemi ecologici e con quelli sociali.

Si occupa di questioni energetiche, con particolare attenzione alle rinnovabili, la ricerca nel settore delle energie verdi e alle problematiche legate a nucleare e alle fonti fossili.

È direttore responsabile, ma non prendetelo troppo sul serio, della rivista ‪#QualEnergia‬ di Legambiente, del portale QualEnergia.it e collaboratore, per le questioni energetiche, del mensile di Legambiente ‪LaNuovaEcologia‬.

Oltre a ciò cura la sezione sulla bioedilizia della rivista Tekneco‬ dove tenta di andare oltre alla, sia pure importante, discussione se il laterizio debba essere per forza “bio”.

Ha curato, come autore, oltre cinquanta ‪documentari‬ di carattere scientifico su argomenti ambientali, per il canale di Rai Educational Explora la Tv delle Scienze. Collabora con svariate testate sia tecniche specializzate, sia generaliste.

Recentemente ha riscoperto la propria passione per la motocicletta ed è diventato felice possessore di una favolosa Moto Guzzi Le Mans Mk III del 1983 con la quale ha “instradato”, è il caso di dirlo, anche il figlio maggiore di sette anni, Francesco, sulla via del motociclismo. A chi afferma che guida un mezzo inquinante Euro Zero, Ferraris replica che una ‪#‎motocicletta‬ di oltre trent’anni ha un ottimo Lca (per una spiegazione dell’acronimo c’è Google) e un’impronta ecologica che si abbassa con il passare del tempo.

Da qualche tempo gli ronza in testa l’idea fare il retrofit elettrico a una Moto Guzzi, ma rimane insoluto il problema di come riprodurre il rombo delle storiche bicilindriche di Mandello, specialmente con gli scarichi Lafranconi da competizione dei quali la sua Moto Guzzi Le Mans Mk III è, ovviamente, dotata. Probabilmente proprio per questo verrà ad EcoFuturo!

Serve quindi un salto tecnologico, perchè quando parliamo di passione è la razionalità, in questo caso quella ecologica, che deve trovare le soluzioni.

Perchè a ‪sogni‬ e ‪passioni‬ non si può e non si deve rinunciare.

 

 

Protagonisti terza edizioneultima modifica: 2016-06-23T14:00:44+00:00da cres-ce
Reposta per primo quest’articolo